giovedì 7 febbraio 2013

Giovedì grasso

A volte vorrei tornare indietro nel tempo quando il giovedì grasso era una giornata da attendere. In quell'occasione mamma stava a casa il pomeriggio, arrivava a pranzo e subito finito di mangiare mi vestiva e truccava e si andava in centro. Ricordo solo un vestito che mi piaceva quello da principessa dei fiori, il precedente fu Alì Babà a cui non mi affezionai mai. Quel giorno portava a casa i coriandoli quelli fatti con la macchinetta a lavoro, un'anno intero di raccolta! Erano tantissimi, avevo sempre il sacchetto più grande. Faceva sempre un gran freddo. Si parcheggiava sui viali aspettando i carri e canzonando le maschere che passavano. Poi in piazza grande per il discorso di Sandrone che mia mamma ascoltava sempre con gran divertimento. Io rimanevo al suo fianco e mi divertivo a tirare coriandoli. Erano momenti di una bellezza delicata che metterei sotto un cristallo. Si era felici con nulla.

Nessun commento:

Posta un commento