mercoledì 20 luglio 2011

...nonostante tutto

Le critriche che i cantanti ricevono ogni giorno sono tantissime...ovvio che non possono piacere a tutti...ma occorrerebbe sia che i fan sia che i critici fossero obiettivi....riuscissero a guardare oltre e a giudicare un pezzo sotto tutti gli aspetti. Così come mi sento di dire che Vasco non ha più tanto da dire, l'ho sempre rispettato intendiamoci ma non riesco più a condividere ciò che dice, ammesso che oltre le vocali ci sia di più :).
Inevce sarà per quel gusto emiliano DOP che il Liga ancora mi fermo ad ascoltarlo qualche volta .... aldilà della monotonia delle melodie si nascondono testi molto belli e intensi, stamattina questo è quello che ha catturato la mia attenzione:

Il peso della valigia

Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui
e ti è toccato partire bambina
con una piccola valigia di cartone
che hai cominciato a riempire
due foglie di quella radura che non c'era già più
rossetti finti ed un astuccio di gemme
e la valigia ha cominciato a pesare
dovevi ancora partire
e gli occhi han preso il colore del cielo
a furia di guardarlo
e con quegli occhi ciò che vedevi
nessuno può saperlo
Rit …e sole pioggia neve tempesta
sulla valigia e nella tua testa
e gambe per andare
e bocca per baciare

Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui

e ad ogni sosta c'era sempre qualcuno
e quasi sempre tu hai provato a parlare
ma non sentiva nessuno
e ti sei data ti sei presa qualche cosa chissà
ma le parole che ti sono avanzate
sono finite tutte nella valigia
e li ci sono restate
e le tue gambe andavano sempre
solo sempre più adagio
e le tue braccia reggevano a stento
il peso della valigia
[ rit]

Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui
ma adesso forse ti puoi riposare
un bagno caldo e qualcosa di fresco
da bere e da mangiare
ti apro io la valigia mentre tu resti li
e piano piano ti faccio vedere
c'erano solo quattro farfalle
un po' più dure a morire

[ rit]



Quello che ogni donna vorrebbe sentirsi dire:...adesso siediti che ci penso io a te....

1 commento:

  1. LA PENSO COSì ANCHE IO...TROVO CI SIANO MOLTI ARTISTI UN Pò "SPREMUTI"....
    NON RIUSCIREMO MAI PERò A GIUDICARE L'ARTE IN MANIERA DISTACCATA....QUALUNQUE CANZONE PUO' SEMBRARCI SUPERFICIALE , MONOTONA , RIDICOLA....MA LA STESSA CANZONE PUO' ESSERE LA COLONNA SONORA DI UN PEZZO DI VITA IMPORTANTE PER QUALCUN'ALTRO...
    I FANS CREDO FACCIANO BENE A SEGUIRE COLORO CHE FINO AD OGGI HANNO REGALATO LORO EMOZIONI ....I CRITICI FANNO IL LORO MESTIERE MA CREDO SIA SOLO UN MODO REMUNERATIVO DI ESPRIMERE UN PARERE...IO SPESSO HO ACQUISTATO DISCHI CHE LE RECENSIONI AVEVANO MASSACRATO RIMANENDONE COMUNQUE SODDISFATTO.
    LA CRITICA MUSICALE , SE FOSSE DAVVERO TALE, SI DOVREBBE BASARE SU FONDAMENTI TECNICI...
    MA CREDO CHE IL MODO MIGLIORE DI ASCOLTARE MUSICA,DI VEDER UN FILM,DI AMMIRARE UN QUADRO, DI APPROCCIARSI A QUALUNQUE COSA SIA ARTE , DEBBA ESSERE QUELLO DI APRIRE IL CUORE E LA MENTE E PROVARE A DESCRIVERE L'EMOZIONE SCATURITA....SIA ESSA NULLA...SIA ESSA ESPLOSIVA.
    ---------- CATTO ------------------------------

    RispondiElimina