giovedì 8 ottobre 2015

Anacronistica tassa

Canone_televisivo_in_Italia

Stamattina facevo un piccolo studio della definita tassa Rai perché a breve, secondo Renzi, dovrebbe essere integrata nella bolletta della luce e l'illusione dell'abbassamento del canone, che renderà tutti gli italiani felici dell'attuale governo, è avvenuto perché grazie all'inclusione in una bolletta dovuta.
A margine del fatto che sarà alquanto difficile a parere mio, giustificare detta tassa all'interno dei proventi delle/a società elettrica c'è da capire come questa tassa è arrivata fino ad oggi.
Bene il canone deriva da una legge del 1938 che cita "Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto"
La giurisdizione italiana ha poi ritenuto legittimo che questo canone non sia legato alla visione dei programmi ma proprio alla possessione dell'apparecchio. 
Nell'avvento dell'era tecnologica, il tv è diventato un computer ma anche in questo caso è stato giustificato dal fatti che contiene comunque apparati atti alla ricezione di un segnale. 
Il perpetrare questo tipo di strada da è parte dello stato e della giurisdizione è un accanimento contro il cittadino medio che deve comunque e sempre pagare, 
Come tante delle leggi dello stato questa è una di quelle che si devono pagare perché è così: no! non sono d'accordo! 
Volete l'evoluzione? dovete evolvervi anche come stato e smettere di gravare sui cittadini con queste cose e iniziare a fare delle vere leggi contro l'evasione fiscale che inizino anche dai grandi possidenti. Fino a che non vedrò questo, tutto il resto non sono che parole al vento.

Nessun commento:

Posta un commento