lunedì 30 aprile 2012

Beato te - Alda Merini

Beato te, amore,
che raccogli labbra di donna
quasi fossero fiori
da buttare a sera
con le prime ombre
con i primi pensieri annoiati.
Beato te,
che raccogli notti di donna
in un barattolo
e lo butti in testa agli angeli
per guadagnarti
il veleno dell'addio.

Nessun commento:

Posta un commento