venerdì 23 settembre 2016

#cosechedevonocambiare

Opprimente e disarmante l'atteggiamento remissivo e conservativo che i "vecchi" usano per far capire ai nuovi arrivati che qualunque iniziativa, volta al miglioramento di un processo esistente, sia una perdita di tempo ed energie. In Italia lottare contro un sistema presistente, immutato per decenni, è come combattere una battaglia contro un muro di gomma che ti fa rimbalzare e tornare esattamente dove eri un minuto prima. Mollare e adeguarsi al sistema significa perdere, arrendersi senza nemmeno averci provato. E allora qual'è l'atteggiamento da mettere in pratica? Chiudersi a riccio e continuare la propria battaglia, prendendo della scontrosa, arrogante, riservata? Proseguire per la propria strada e mettere in pratica ciò che la tua testa, coerente con i tuoi gesti, ti dice e al diavolo tutti e il dialogo. Questo può apparire antidemocratico e non aperto al confronto ma è notorio che gli atteggiamenti della politica che è stata al potere per molto tempo sono arroganti e pieni di una corruzione da gioco di figurine di "io ti do tu mi dai". Occorre pulire il tavolo per poter ricominciare, questo è!

Nessun commento:

Posta un commento