venerdì 26 novembre 2010

NOTTE


Notte

La strada scorre velocemente sotto le mie ruote,
musica potente alla radio crea un alone attorno a me,
è come se non fossi qui, ora.
Solitudine, rassegnazione, la mia dignità distrutta
un altra volta ancora
perché succede questo.
Crescere, sì l'ho fatto con te
ma il tuo modo di insegnarlo è sbagliato,
sono nell'oblio.
Vago nei meandri della mente e del cuore
cerco conferme o smentite, risposte o dubbi.
Che schifo mi faccio
sto mentendo a me stessa.
Il tuo cuore è irraggiungibile votato a ciò che non sono io
e questo mi distrugge,
le mie lacrime amare sono niente ai tuoi occhi
le guardi scendere sul mio viso
e nemmeno un brivido.
La forza che devo trovare chi me la darà
quella che mi serve per allontanarti da me
ma poi....
Io sono qui,
ti prego vieni a prendermi, senti il mio cuore.
Ferite profonde si alternano a momenti di pura felicità,
la razionalità eterna nemica si contrappone all'emozione scomoda alleata
s'insinua nelle regole della mia vita.
Dove sono ora,
sto vivendo in un ricordo, nel ricordo di te
ma voglio scacciarti dalla mia mente
solo così mi salverei, salverei la mia anima e il mio cuore

1 commento:

  1. a distanza di qualche tempo ancora riesca a scuotermi ma sono felice di non provare più quel malessere, il non essere amata e presa in giro....il tempo passa e si diventa più forti.

    RispondiElimina