venerdì 26 novembre 2010

Afterhours

15 luglio ’10
Sonica Festival
Sant’Agata Bolognese
In questa afosa serata d’estate decido di affrontare da sola gli Afterhours. Ore 20,30 parto-. In mezz’ora sono arrivata. Il festival è al parco mezzaluna che non è per nulla segnalato, ma in un paio di tentativi eccomi arrivata. Vialetto e parco. Entro. Location verde e di campagna. Il palco al centro sormontato da una piccola collinetta dove qualcuno ha adagiato delle stuoie da spiaggia per il bivacco e qualche candela alla citronella. Il popolo dei concerti si fa avanti. Decido di prendermi una birretta e una piada. La fila è interminabile ma così raccolgo qlc aspettativa degli amanti degli Afterhours. Dopo una  mezz’oretta ottenuto le vivande mi siede a qualche metro dal palco. Wow è la terza volta che vedo gli Afterhours: la prima a Milano Palasharp ma dalle tribune, poi a Reggio al Teatro Valli con la performance teatrale e oggi in quello che dovrebbe essere la loro natura. Il palco è scuro con delle colonne luminose blu e delle piattaforme colme di luci bianche. L’atmosfera è tranquilla, chi fuma una sigaretta, chi chiacchiera dei concerti visti, chi prepara la macchina fotografica, chi beve. Ore 22.15 si spengono le luci del palco ed eccoli:
Rodrigo d’Erasmo in nero con tunica da samurai, il violino e l’inconfondibile archetto
Roberto dell’Era spettinato in tunica nera borchiata
Xabier Iriondo originale come sempre
Manuel Agnelli con una manica di pelle
La folla esplode con Punto G….Germi …. Posso avere il tuo deserto….Male di miele….L’estate….Strategie…Oceano di gomma….Ballata per la mia piccola iena
Un ringraziamento per “la vincita di un festival” grazie al suo pubblico…e parte Il paese è reale, finalmente sentiamo la voce di Manuel
Piccola pausa … e dopo un po’ d’incitazione….eccoli con un omaggio e poi il reading di Manuel
Ancora un grazie da parte di Manuel
Altra pausa….Il sangue di Giuda.. speciale
I ragazzi sono cremati…nel vero senso del termine….
Un po’ di rammarico per non aver sentito pezzi come..Oppio, Quello che non c’è, Pelle e tante altre….ma si sa il repertorio è ampio….e forse avevno voglia di riaffermare gli Afterhours degli origini….Ripeto è la terza volta che li vedo…ma la mia passione per loro è un crescendo….
Vado a casa sudata, contenta e con tanti regali che mi sono fatta al merchandising per ascoltarli ancora mentre prendo la strada di casa.
Grazie ragazzi

Nessun commento:

Posta un commento