mercoledì 19 ottobre 2011

Il leone e la gazzella





Ma in che razza di mondo stiamo vivendo. Ogni giorno mi alzo e non migliora. I più furbi mangiano i più deboli ed i più deboli non sono tutelati da nessuno. Vedo ora un servizio delle iene magari banale ma indicativo: un ragazzo va di casa in casa per vendere un contratto di energia/gas metano con armi ingannevoli: dice che è l'attuale distributore che deve provvedere a un'aggiornamento del contratto, che bla bla, bla che c'è scritto sulla bolletta e ne esce con un foglio firmato. Usa tecniche di plagio mentale imparate in qualche corso motivazionale e le sfodera senza batter ciglio. Ovvio qualcuno può dire la legge non ammette l'ignoranza o l'ingenuità spesso si paga....ma che tutela abbiamo in tal senso? Il ragazzo quando è stato smascherato ha detto alla iena: "tu non dovevi fare questo io ho perso un potenziale cliente" e lei "si ma sei stato disonesto" e lui " intanto io lavoro in giacca e cravatta, faccio quello che mi pagano per fare e guadagno pure più di te" con una serenità che faceva rabbia.  Allora questo è davvero l'importante? Schiacciare tutto e tutti pur di avere un lavoro da giacca e cravatta che ti permette di guadagnare bene, calpestando ogni diritto e approfittandosi della gente comune che magari non ha i mezzi e le energie per lottare ogni giorno contro tutti? Io credo che comunque sopra a tutto ci debba essere l'onestà, il senso civico e sociale e che però se questi "valori" non ci sono stati tarsmessi dal qualcuno non dobbiamo cedere al potere del Dio Denaro sopra ad ogni cosa. Di questo passo finiremo miseramente all'età della pietra. E' anche vero che se tutta la società, partendo dall'alto dei governanti, si comporta in questo modo andare controcorrente è molto difficile ma le persone che lo fanno sono preziose come l'oro perchè basta anche solo il gesto di uno per far riflettere tanti.

Nessun commento:

Posta un commento