giovedì 23 dicembre 2010

THE CLASH

Bella serata ieri al Lavabo di Vignola. Vanni Neri ha presentato i Clash assieme ai Controllo Totale. Bella location un centro autogestito colorato e pieno di persone disponibile e simpatiche. Mi siedo in faccia alla cassa (non quella economica ma quella sonora)....e dopo 5 min ho perso l'uso dell'orecchio... :D.
Comincia la carrellata musicale tra parole, immagini e live della band. E' un piacere ascoltare i commenti di Vanni ha il potere di catapultarti nella storia della band grazie agli album, il contesto storico, piccoli gossip, localizzazione insomma un vero e proprio viaggio.
Abbiamo visto registrazioni video della band in studio, video ufficiali e esibizioni dal vivo. Una band storica energica che ha toccato e fatto sue, tantissime sonorità a partire dal punk, al reagge, al dub, alla discomusic; si sono sempre saputi evolvere e per questo hanno cavalcato i tempi e gli spazi visto che hanno saputo portare la loro musica dal Regno Unito agli Stati Uniti. Ho scoperto inoltre essere molto attivi dal punto di vista politico, condividevano col punk le critiche alla monarchia britannica, ma rifiutavano le tendenze nichiliste di alcuni colleghi (!!), e hanno portato con la loro musica l'attenzione su guerre civili come in Spanish bomb. Purtorppo come ogni band di successo i fatti personali, gli screzi fra leader hanno portato all'inevitabile scioglimento.
Dal primo album targato 1977 "the Clash" abbiamo ascoltato "Police & Thieves" e "Garageland" e purtorppo non la mia preferita White Riot. Dal secondo album "Give 'em enough rope" realizzato col produttore Sandy Pearlman "English civil war" Dal album per gli USA "the Clash" del 1979 "Clash city rockers", "i fought the law". Dal mitico "London calling" che ha consacrato la band inglese, copertina che ritrae Paul Simonon che spacca il basso sul palco, omaggio a Elvis Priesley, realizzata da Pennie Smith, "London calling", "Spanish bomb", "Lost in the supermarket", "Clampdown", "Death or glory". Il triplo album "Sandinista" 1980 venduto pero' come doppio per scelta della band ci ha regalato brani come "the magnificient seven". Il doppio del 1982, album più venduto e ultimo prima dell'allontanamento di Mick Jones per il suo problema con l'eroina, da cui abbiamo sentito "Know your rights", "Rock in the Casbah" e "Straight to hell". Attendiamo con ansia le prossime presentazioni di gennaio.....Coming soon David Bowie

Nessun commento:

Posta un commento